Woman and her perfume pt.2

Lo vidi. Come poteva essere un uomo come lui tanto fortunato? Quale gesta eroiche, imprese immense si nascondevano dietro a quel corpo insulso, quali onori, per meritare tanta bellezza? Ero già invidioso ancor prima di sapere se i due stessero “insieme”. Ma poi, che sarebbe importato? Di lì a pochi secondi sarei tornato alla mia timida e inutile vita… tuttavia quella donna aveva risolevvato troppo il mio spirito perché io la privassi di gratificazioni. Rimasi altri cinque minuti a fissarla, tentando di darmi un contegno… impossibile. Dopo un altro interminabile minuto vidi che si afficinava a lui e lo guardava con occhi di fata, di una stella brillante, di un’eroina vincente. Mi erano bastati pochi minuti per adorare quello sguardo e non riuscivo ancora a capacitarmi di come potesse stare con quell’essere. Mi resi conto che tremavo. Lo guardai attentamente: non aveva nulla di interessante. Era quello che la gente definirebbe “normale” eppure era riuscito, evidentemente, a catturare il cuore di quella ninfa dalla bellezza sublime, la quale sagoma inebriava lentamente la mia mente. Sentivo salire in me la collera, ma perché? Mi vergognai di me stesso. Dopo pochi secondi mi arrivò il suo splendido profumo e il mio umore non solo variò, ma divenne neutro, inerme, sconfitto davanti a tanta bellezza. Emetteva un profumo misto fra rosa e biancospino mattutino e vi era anche un aroma pungente, probabilmente loto bianco. Non mi ero ancora ripreso quando notai che l’essere che adombrava la bellezza della ninfa se n’era andato, da solo. Ciò contribuì a rallegrarmi e a farmi piombare in uno stato di shock indescrivibilmente bello. Finché non sentii una voce alle mie spalle, più somigliante a un’antica e dolcissima melodia:
“Scusi, ho notato che mi stava guardando… beh è da qualche minuto che faccio lo stesso, pareva avere lo sguardo perso nel vuoto, comunque sembra un uomo interessante, chissà che una di queste sere non si possa uscire insime.”

lascio al lettore la facoltà di concludere questo breve racconto, seguito del primo, come meglio preferisce.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: