Byblis

Oggi dedico a te qualche parola,

oh infelice seme arso dal dolore,

il fumo in volo stinge il ciel d’ogni colore,

e tu lo guardi e vedi lui, oh creatura triste e sola.

Ma in un attimo le lacrime diventan gocce,

il tuo corpo, effimero composto marmoreo,

divien color delle praterie solitarie e le tue

lacrime, prendon a brillare sotto al sol.

Da quel giorno tu fosti lo stendardo di quel dipinto

che l’uomo chiama arcobaleno,

E il ciel mai più fu d’alcun color stinto,

e un fior violaceo crebbe dal cuore in un baleno.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: